Storia della Terapia Craniosacrale

            Solo all’inizio degli anni ’70 del secolo scorso la fisiologia scoprì il sistema cranio-sacrale, grazie all’approfondimento degli studi dell‘osteopatia cranica portati avanti dal College of Ostheopatic Medicine della Michigan State University

L’osteopatia nacque negli Stati Uniti alla fine dell’Ottocento grazie al medico Andrew Still (1828-1917): egli chiamò così la terapia manuale di ricomposizione dei traumi fisici da lui stesso scoperta ed elaborata.

            Nel secondo decennio del XX secolo William Sutherland, osteopata americano, iniziò una serie di studi sulle suture delle ossa craniche e sul loro movimento, in totale disaccordo con i dogmi della medicina ufficiale anglo-americana, che considerava tali suture totalmente saldate al raggiungimento della maturità fisica del corpo umano e mobili solo nel neonato. Sutherland rilevò una ritmica fluttuazione, un movimento sincrono del cranio e del sacro dovuto alla continuità della dura madre, la quale collega saldamente le meningi craniche al filum terminale del midollo spinale, lungo tutta la colonna vertebrale.

           Negli anni ’70 gli studi effettuati dal Dr. John Upledger, medico e osteopata americano, alla Michigan State University provarono scientificamente la presenza del ritmo craniosacrale e permisero di ottenere misure precise sulla frequenza ed ampiezza del movimento delle ossa craniche.

Upledger chiarì anche che il meccanismo alla base di tale ciclicità era la continua alternanza di produzione e riassorbimento di liquido cefalo-rachidiano all’interno del sistema idraulico semichiuso, contenuto dalla membrana impermeabile della dura madre. Si scoprì poi che la manipolazione molto delicata del cranio, del sacro e delle fasce corporee, secondo delle tecniche specifiche, poteva liberare le disfunzioni del sistema. Diede così vita ad una delle principali biodiscipline dei nostri tempi: la terapia cranio-sacrale.


Il Sistema Cranio Sacrale

           È un sistema fisiologico la cui formazione inizia nell’utero materno; è addetto alla produzione, alla circolazione e al riassorbimento del liquido cerebrospinale che forma l’ambiente fisiologico in cui il cervello e l’ intero sistema nervoso si sviluppa, vive e funziona. Si parla di sistema cranio sacrale perchè include tutte le ossa del cranio e estende lungo la colonna vertebrale fino all'osso sacro. La produzione, il movimento e il riassorbimento del liquido cerebro spinale determinano il Ritmo Cranio Sacrale che si espande a tutto il corpo attraverso il sistema fasciale, un insieme sottile e continuo di tessuto connettivo. Esiste uno stretto legame tra il Sistema CranioSacrale e i sistemi nervoso, linfatico, neuro-schelettrico, cardiovascolare ed endocrino.


Come funziona

           Il nostro organismo attua continuamente dei meccanismi di autocorrezione per mantenere il proprio equilibrio di salute. Si possono però manifestare delle restrizioni o dei blocchi allinterno del sistema cranio sacrale che non riusciamo autonomamente a superare dovuti a situazioni o vicissitudini che portano in sofferenza il sistema nervoso. In questi casi un trattamento mirato in diversi punti (piedi, bacino, colonna, testa) stimola il cambiamento agevolando il processo di riequilibrio.
Attraverso il lavoro craniosacrale si accorda il nostro sistema psicofisico... mente e corpo... perchè pensieri ed emozioni sono strettamente legati al nostro fisico... e si riflettono in esso. Quindi possono essere liberate antiche emozioni che agivano come blocchi sul corpo e si può ritrovare il naturale benessere... nostro diritto di nascita.


A chi è utile

           Essendo una tecnica molto dolce e delicata e non invasiva è adatta alle persone di ogni età compresi neonati, bambini e anziani ed è consigliato durante tutto il periodo della gravidanza dopo il terzo mese.


Ambito operativo

            La persona che riceve il trattamento si distende su un lettino da massaggio. L’operatore si mette dapprima in ascolto con le mani del ritmo sulle diverse parti del corpo per poi procedere con movimenti molto lievi e delicati utili a coadiuvare il bilanciamento del sistema Cranio Sacrale. La seduta dura circa 50 minuti, durante o dopo il trattamento si può provare un profondo rilassamento, un senso di calore e di leggerezza e un'aumentata vitalità.

Con il trattamento Cranio Sacrale la persona diventa più sensibile a ciò che sente nel corpo e più consapevole delle emozioni che prova aumentando di conseguenza la capacità di resistenza allo Stress.


Benefici

     ¤ dolori acuti e cronici
     ¤ problemi con cause emozionali e psichiche
     ¤ problemi mascellari
     ¤ problemi di concentrazione
     ¤ emicrania, mal di testa, vertigini
     ¤ patologie della colonna vertebrale
     ¤ limitazioni nell’apparato locomotore
     ¤ riallineamento posturale
     ¤ miglioramento del sistema circolatorio
     ¤ riduzione di patologie a carico del sistema osteo-articolare
     ¤ livello di energia fisica
     ¤ buon umore
     ¤ riequilibrio dei ritmi sonno-veglia
     ¤ rilassamento

La terapia craniosacrale restituisce maggior benessere fisico ed emotivo, aiuta l’autoguarigione e limita le occasioni di malattia, grazie all’azione sul sistema immunitario e sull’equilibrio ormonale. A un livello fisico, si è dimostrato efficace tra le altre cose per riequilibrare la postura, per regolare la respirazione e le funzioni gastroenteriche, contro il mal di testa, lo stress, la sciatalgia, le vertigini e vari dolori.